Visita Infettivologica – Consulenza di Medicina dei Viaggi – Counseling per Adozioni Internazionali

L’Infettivologia si occupa di tutte le malattie infettive, ossia causate da agente trasmissibile: batterio, virus, fungo o parassita. Se ne occupa tanto in senso terapeutico quanto in senso preventivo, identificando i comportamenti a rischio per l’acquisizione di alcune malattie ed elaborando strategie per evitare il presentarsi (o il ripresentarsi) della patologia.

Una branca particolare delle Malattie Infettive è la Medicina Tropicale, orientata alla prevenzione, alla diagnosi e alla cura delle malattie che si presentano caratteristicamente in questa fascia della Terra.

Perché richiedere la visita infettivologica:

La Visita Infettivologica è indicata nel sospetto di malattie di origine batterica, virale o parassitaria, di carattere acuto o recidivante.

Si tende a pensare che le malattie infettive si presentino solo in modo acuto, tale da richiedere un intervento medico immediato; in realtà molte malattie infettive di interesse pediatrico hanno andamento torpido, come, ad esempio, quelle conseguenti a puntura di zecca, la malattia da graffio di gatto, le recrudescenze da virus dell’herpes: in questi casi la valutazione infettivologica può essere dirimente nella diagnosi e risolutiva per la terapia e la guarigione

L’Infettivologo, inoltre, è un esperto in fatto di vaccini e l’Infettivologo Pediatra ha le competenze per fornire eccellente supporto nella valutazione del percorso vaccinale in età pediatrica

Medicina dei Viaggi: importante per tutti ma ancor di più per i bambini

Le zone tropicali presentano rischi legati a malattie particolari, endemiche, cioè proprie di quei Paesi, che non sono presenti alle nostre latitudini o nel nostro Paese. Consigliare e assistere il viaggiatore che sta per partire per un viaggio in tali zone del mondo richiede una conoscenza particolare in Infettivologia e Malattie Tropicali. L’Esperto in Medicina dei Viaggi è il professionista che può illustrare i rischi connessi al viaggio e indicare rispettivamente gli specifici comportamenti preventivi da conoscere e mettere in atto per evitare i rischi; si pensi ad esempio la profilassi per la malaria: ambientale o comportamentale (zanzariere, abiti) e, quando indispensabile, anche farmacologica; oppure all’indicazione a particolari vaccinazioni (ad esempio febbre gialla o epatite A).

E’ inoltre preziosa la possibilità di compilare la “valigia sanitaria”, tanto per adulti quanto per bambini, insieme al medico, valutando i farmaci indispensabili o difficilmente reperibili a seconda del tipo di viaggio (ad esempio negli USA è tutto reperibile, ma per qualunque medicina è necessaria un ricetta redatta da un medico locale, con costi notevoli…).

Anche chi torna da un viaggio da paesi lontani può aver bisogno dell’esperto in Medicina dei Viaggi: sintomi generali (esempio febbre e malessere) o cutanei (irritazioni, macchie, pustole) o intestinali (diarrea, dolore addominale) che insorgono dopo il rientro in Italia –  anche a distanza di più giorni – possono essere spia di infezioni o infestazioni. Forse non tutti sanno che anche in Paesi ricchi possono essere presenti rischi infettivi: ad esempio particolari malattie trasmesse da insetti sono tipiche della zona delle Montagne Rocciose in USA. La Medicina dei Viaggi richiede inoltre continuo aggiornamento, spesso in tempo reale, data la velocità con cui nuove (o vecchie) malattie compaiono e si diffondono in zone precedentemente indenni: basti pensare al recente focolaio di poliomielite segnalato nella città di New York !

Per i bambini è, come ovvio, particolarmente necessario valutare accuratamente rischi e interventi preventivi in vista di un viaggio in terre lontane: maggiore suscettibilità generale alle infezioni, situazione vaccinale differente a seconda dell’età, controindicazioni pediatriche ad alcuni farmaci rendono più delicato e importante il compito della Medicina dei Viaggi.  Un Medico Infettivologo esperto in Medicina dei Viaggi e con solida esperienza pediatrica è sicuramente lo Specialista più affidabile.

Counseling per Adozioni Internazionali

Adottare un bambino richiede una grandissima generosità e disponibilità ad amare. E’ fondamentale che la decisione di diventare genitori adottivi sia supportata dalla conoscenza il più possibile completa di cosa tale scelta comporterà. Adottare un bambino proveniente da Paesi meno ricchi e fortunati del nostro aggiunge ulteriore valore alla decisione ma può aggiungere difficoltà burocratiche oltre che rischi di patologie, anche infettive. Bimbi nati in Paesi poveri possono più facilmente presentare infezioni – ad esempio da Virus HIV o da Epatite – e per la decisione di adozione è necessario conoscere e valutare le possibili implicazioni assistenziali, sia per il bimbo adottato sia per la famiglia che lo accoglierà. L’ambulatorio di Infettivologia Pediatrica e le conoscenze in Medicina dei Viaggi possono essere di grande utilità per i genitori adottivi, mediante il counseling per adozioni internazionali.

A cosa e quando serve il counseling per adozioni internazionali?

Il counseling per adozioni internazionali può rivelarsi fondamentale prima, cioè in fase di scelta e programmazione della procedura di adozione internazionale, innanzitutto per la comprensione della situazione epidemiologica del Paese di provenienza, poi per la compilazione della modulistica di segnalazione della disponibilità, che spesso è piuttosto complessa.

Il counseling per adozioni internazionali è poi di grande supporto dopo, una volta accolto il bambino in Italia, per la valutazione dello stato di salute del bimbo, per lo studio dei documenti sanitari disponibili e per la selezione degli approfondimenti diagnostici da eseguire

Il Counseling per Adozioni Internazionali dell’Ospedalino Koelliker è affidato alla Dott.ssa Ilaria Cavecchia Medico Infettivologo, esperta in Medicina dei Viaggi e con ultradecennale esperienza pediatrica, anche ospedaliera.

Prestazioni:

• Visita di infettivologia pediatrica (0-18 anni)

• Consulenza di Medicina dei Viaggi
• Counseling per Adozioni Internazionali

Approfondimenti:

I nostri specialisti:

• Dott.ssa Ilaria Cavecchia

Prenota una visita

 

Per la prima visita di un minore è necessaria la presenza di un genitore; se il minore fosse accompagnato da persona diversa dal genitore (ad esempio un nonno o un fratello maggiore) è necessaria la delega dei genitori con fotocopia del documento di identità del genitore che la sottoscrive.

contattaci

Siamo a tua disposizione

Chiamaci

Scrivici

prenotazioni.private@ospedalekoelliker.it

Prenota online

prenotazioni.osp-koelliker.it